Fusione si, no, ma: Subbiano chiede alla Regione Toscana che venga rispettata la volontà delle singole comunità

  • Categoria: Music & News
  • Scritto da Guido Albucci
  • Visite: 321
"Siete favorevoli alla proposta di istituire il comune di Subbiano Capolona, per fusione dei comuni di Subbiano e Capolona, di cui sulla proposta di legge di iniziativa popolare n 2 del 2016?". Al di là di ogni legittima posizione, la Giunta di Subbiano chiede al Consiglio Regionale della Toscana che la volontà delle singole comunità venga rispettata, alla luce anche del principio ispiratore delle fusioni dal “basso”. Rossana Farini ha sentito Lorenzo Valdarnini, presidente del Consiglio Comunale di Subbiano 

Fusione si, no, ma: Subbiano chiede alla Regione Toscana che venga rispettata la volontà delle singole comunità

Caricato Mercoledì 03 Maggio 2017 in Music & News | 321 visualizzazioni

In particolare, nella delibera che sarà inviata in Regione si chiede che, “quanto espresso da entrambe le comunità sul quesito referendario venga pienamente rispettato,in quanto, essendoci due consultazioni distinte, l’esito può avere differenti risultati e che quindi non può esser tenuto conto del criterio generale ma del risultato di ciascun comune per garantire la rappresentanza democratica delle singole realtà locali”. In particolare si richiama il comunicato n.530 del 6 aprile 2016 del Consiglio regionale della Toscana nel quale si recita ”la Regione Toscana si impegna ad approvare la fusione, nel caso in cui nel referendum sia raggiunta una maggioranza superiore a due terzi dei votanti nell’intera comunità interessata. Nel caso in cui invece,tale maggioranza non sia stata raggiunta,la regione approverà la fusione solo in presenza della maggioranza favorevole in  ciascuno dei comuni consultati”. In sostanza la Giunta di Subbiano chiede al Consiglio regionale di non applicare quanto previsto dal Comunicato 530 e dalla risoluzione 39 del 2016,  all’esito del referendum del 7 e 8 maggio 2017 per la fusione dei comuni di Subbiano e Capolona e questo per tutelare la democrazia, il volere dei cittadini  delle singole comunità e soprattutto per evitare di trattare con “due pesi e due misure le diverse realtà del Casentino”. Per la Giunta di Subbiano, in sostanza, tale regola rischia di penalizzare la volontà dei cittadini poiché, nel caso in cui a Subbiano vincesse il “no” ma i 2/3 dei votanti di entrambi i comuni si esprimessero per il si, in questa caso la fusione si farebbe lo stesso, con una palese violazione del principio di autodeterminazione della comunità subbianese. Dalla Giunta commentano: “Non accetteremo nessuna imposizione dall’alto”. Per questo motivo, per coinvolgere la popolazione e portare in Regione le proprie ragioni anche in maniera condivisa, il prossimo giovedì 4 Maggio si terrà un consiglio comunale dedicato alla delicatissima questione.

Diretta Radio

Italia 5 TV
 
  NOW ONAIR Caricamento...  

New Hit

 Giorgia & Marco Mengoni Come neve
 Thegiornalisti Happy Christmas John
 Francesco Gabbani La mia versione dei ricordi
 Gianna Nannini Cinema
 U2 Get Out of Your Own Way
 Noemi I miei rimedi
 Roby Facchinetti & Riccardo Fogli Le donne ci conoscono
 Betta Lemme Bambola
 Riki Aspetterò lo stesso
 Feder Breathe

TOP 10

 MinaCelentano Eva
 Tom Walker Leave a light on
 Jovanotti Oh, vita!
 Camila Cabello Havana (feat. Young Thug)
 J-Ax & Fedez Sconosciuti da una vita
 Cesare Cremonini Poetica
 Imagine Dragons Whatever it takes
 Jp Cooper She's on my mind
 Zucchero Un'altra storia
 Biagio Antonacci In mezzo al mondo

Diretta Sport

  1. Music & News
  2. TAG

Contatti

TEL +39 0575 52.94.60
SMS & WhatsApp 342 907 5 906
MAIL Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
 

Note Legali

Editore Gruppo Cinque S.R.L.
Sede legale Via Cavour, 4 - 52014 Poppi AR
Radio Italia 5 News Direttore Guido Albucci
Iscr. Trib. AR 25/1976 14542 Iscr. ROC N. 17517
Licenza SIAE N. 1 del 26 marzo 2013
Licenza SCF 330/03 del 28.11.2003